Pubblicato il: 13-07-2020

Attenzioni alle truffe sviluppate dagli hacker perché questa volta  colpiscono quei consumatori alla ricerca  di una buona promozione  assicurativa. Ecco i dettagli.

Di: Simone Pettine - multiplayer.it

     

Era da un po' di tempo che il malware Joker non  combinava danni, e di certo i possessori di uno smartphone Android non  ne sentivano la mancanza. Ma in questi giorni ha provato a colpire  ancora, sfruttando le app del Google Play Store: per fortuna è stato fermato quasi immediatamente.

Nelle scorse ore Mountain View, difatti, ha rimosso 11 app con malware dal Google Play Store: applicazioni apparentemente innocue e uguali a  tutte quelle che milioni e milioni di persone mettono in download ogni  giorno. Ma in realtà nascondevano al loro interno il malware Joker, o  meglio una sua versione inedita, riveduta e corretta. Era in grado di  entrare subito in azione sul dispositivo dell'ignaro utente, quindi  mettere in download a cascata altri malware, e tutti cominciavano ad  effettuare sottoscrizioni a vari servizi a pagamento, oltre a rubare laddove possibile i dati personali dello sventurato.

I ricercatori di Check Point, tuttavia, lo hanno individuato quasi  subito. Questa volta il malware Joker agiva in modo molto subdolo, così  da eludere non tanto l'attenzione del possessore di uno smartphone  Android, quanto i sofisticati sistemi di controllo di Mountain View; da  qui il suo sbarco sul Google Play Store (negli ultimi tempi le app con malware preferivano rubare le credenziali di Facebook).  

Ora le 11 app incriminate non sono più disponibili per il download, ma  voi potreste averle scaricate inavvertitamente: eccovi allora la lista completa con tutte le app con malware, così potrete eliminarle subito:

- com.imagecompress.android

- com.relax.relaxation.androidsms

- com.cheery.message.sendsms (due versioni)

- com.peason.lovinglovemessage

- com.contact.withme.texts

- com.hmvoice.friendsms

- com.file.recovefiles

- com.LPlocker.lockapps

- com.remindme.alram

- com.training.memorygame

         

           

| Articolo Originale |