Pubblicato il: 07-12-2018


Il 6 dicembre 2018 non è stata una buona giornata per gli utenti del secondo più grande operatore di rete mobile nel Regno Unito, Telefonica UK, meglio noto come O2, poiché i suoi clienti hanno perso l'accesso alla rete 4G.

Non è stata una buona giornata neanche per la stessa Telefonica che possiede la GiffGaff e fornisce l'accesso alla rete virtuale agli utenti di Lyca Mobile, Sky Mobile e Tesco Mobile che si sono anche trovati senza dati 4G.

In totale, 32 milioni di utenti si sono trovati senza dati o servizi di messaggi SMS dalla colazione, fino all'ora di andare a dormire. Anche gli utenti dei servizi mobili SoftBank, in Giappone, si sono trovati coinvolti nella crisi delle comunicazioni. Ora Ericsson, il gigante svedese dell'infrastruttura di rete cellulare che fornisce il collegamento comune in tutto questo, ha rivelato il motivo del blackout dei dati. Francamente, un motivo piuttosto ridicolo.

Di solito, i problemi di rete che causano l'accesso a dati o SMS vengono risolti piuttosto rapidamente. Certo, i clienti sono disturbati per un breve periodo, ma le linee vengono ripristinate entro un'ora.

Non ieri. La rete 4G si è effettivamente disgregata tutto il giorno. Quindi, qual era esattamente la ragione ridicola?

Era evidente fin dall'inizio che il problema non era direttamente in O2. La società ha rilasciato un aggiornamento sullo stato del servizio in cui si afferma che "uno dei nostri fornitori di terze parti ha identificato un problema software globale nel proprio sistema".

Quel fornitore si è rivelato essere Ericsson che ha rilasciato una dichiarazione di Marielle Lindgren, CEO di Ericsson UK e Irlanda, confermando quanto segue: "La causa del problema odierno della rete è in alcuni nodi della rete centrale che si traducono in disturbi della rete per un numero limitato di clienti in tutto il mondo, incluso il Regno Unito. Abbiamo lavorato sodo per risolvere il problema dei dati nel Regno Unito sin dalle prime ore del mattino. Il software difettoso che ha causato questi problemi è stato ritirato."

Ora è stato rivelato esattamente quale fosse il "problema del software".

Ericsson ha confermato che "un'analisi iniziale della causa principale indica che il problema principale era un certificato SSL scaduto nelle versioni del software installate con questi clienti".

Sì, un certificato scaduto

Börje Ekholm, presidente e CEO globale di Ericsson, afferma che "il software difettoso che ha causato questi problemi è stato messo fuori servizio" e si è scusato con "non solo per i nostri clienti, ma anche per i loro clienti".

Un'azienda grande come Ericsson avrebbe dovuto conoscere meglio e dovuto mettere in atto i relativi processi di sicurezza per prevenire un simile evento. Dopotutto, si definisce "uno dei principali fornitori di tecnologia dell'informazione e della comunicazione ai fornitori di servizi" e circa il 40% del traffico mobile mondiale viene trasportato attraverso le sue reti. Quante volte il browser ha avvisato l’utente che un sito o un servizio era insicuro e quindi bloccato la connessione? Ciò sarà quasi sempre causato da un certificato SSL (Secure Sockets Layer) scaduto.

| Articolo Originale |